Fine 2017, inizio 2018, scelte, obiettivi e auguri

Qua Indonesia mancano un paio d’ore quindi anticiperó un pó i tempi.

Il 2017 è stato un anno importantissimo.

Per noi, per la nostra “piccola community” e per il movimento hotel-italia in generale.

Io e Daniele Sarti siamo riusciti, insieme ad un manipolo di sostenitori che sono con noi dall’inizio, a realizzare la nostra oasi. (grazie!)

In un anno il gruppo é passato dagli 700 iscritti di fine 2016 ai 2.200 attuali.

Siamo triplicati.

Questo da una parte ci rende orgogliosi, dall’altra ci spaventa un pò.

Perché Albergatore Pro non é un gruppo “per tutti”

E cosi, ogni tanto dobbiamo intervenire per salvaguardare la specie.

Non per mancanza di spirito democratico (come sostiene qualcuno) o per indisponibilità al dialogo.

É una questione di VALORI.

Tradotto: puoi essere il mio peggior nemico la fuori, ma se rispetti lo spirito e le regole del gruppo, puoi rimanerci a vita.

Ma ci sono alcune cose su cui NON transigiamo.

Per intenderci.

Nel 2017 diversi Albergatori Pro hanno ottenuto risultati ENORMI:

==> c’é chi ha fatto + 3/400% di fatturato ogni mese rispetto al 2016 (ma per qualcuno ha solo 6 camere..”) vero Massimiliano Gastaldi?

==> c’é chi ha preso la decisione di chiudere il ristorante dopo anni di test e analisi dei numeri e ha chiuso l’anno con solo -13.000 € di fatturato (lascio a te fare i conti sui margini)

==> c’é chi da un hotel é passato a 2. Chi da 2 é passato a 3. Chi da 3 é passato a 4.

==> c’é chi in 3 mesi di percorso avanzato ha realizzato qualcosa come + 100.000 euro di incremento sullo stesso periodo del 2016 (3 mesi!!!)

==> c’é chi ogni mese posta foto prima-dopo il corso con la differenze sul planning

Insomma, potrei andare avanti, ma penso hai capito il senso.

Ora, che te ne accorgi o meno, per ogni risultato, per ogni bandierina messa su una nuova vetta piccola o grande, c’é un detrattore che sminuisce, critica o accampa scuse sui presunti motivi per cui quel risultato non sia degno di essere celebrato.

Questa é la democrazia, dicono.

Il punto é che se queste sono le conseguenze della democrazia…

Noi la democrazia NON la vogliamo.

E il motivo é semplice.

La democrazia é “una media” di tutte le voci.

Il problema é che l’Italia, mediamente, é un paese arretrato, sia nell’economia generale, sia nel turismo.

E se ci adeguiamo alla media, siamo destinati alla crescita ZERO, se va bene.

E questo NON é il nostro obiettivo.

Non é il motivo che mi spinge ogni anno a partecipare a decine di corsi per trovare nuove informazioni da studiare, depurare, declinare al settore hotel, implementare, testare e condividere.

Non é il motivo per cui dedico almeno un’ora della mia giornata, OGNI GIORNO, per condividere strategie in forma completamente gratuita, per voi che siete sul gruppo.

Il NOSTRO impegno è rivolto al miglioramento continuo, alla ricerca della crescita, fosse anche solo di un centimetro alla volta, in ogni singolo ambito di gestione alberghiera.

Ovviamente NON esistono tuttologi.

E per farlo ci siamo circondati dei migliori professionisti sul mercato, di ogni area di competenza.

C’é uno bravo in Italia a fare qualcosa per gli hotel?

Lo trovi qui dentro.

Se non c é significa due cose

1. non lo conosciamo (possibile, ma siamo felici se ce lo presenti)

2. pensiamo che NON sia allineato ai nostri valori.

E siccome questa “missione” é una cosa più grande di me, di noi, del nostro gruppo fb e di tutto il resto, IMPONE delle scelte.

E la nostra scelta é semplice.

Dal 2018 NON perderemo piú tempo a scendere a patti coi detrattori.

Non ce ne frega niente di convincere gli scettici e disillusi.

Rimanete pure con la vostra dietrologia, invidia o malinconia dei bei tempi andati.

Le porte del nostro mondo sono e resteranno per sempre SPALANCATE.

Per tutti.

Ma il gruppo cresce, e di conseguenza crescono le nostre responsabilità.

Quindi ripeto.

Non daremo piú spazio ai “secondo me” di chi parla solo per criticare. Senza mettersi in discussione. Senza provare niente di nuovo.

Noi andiamo avanti.

E lo faremo con TUTTE le armi a nostra disposizione: il gruppo fb, gli articoli del blog, la newsletter, le dirette, i vari seminari a cui i docenti del gruppo parteciperanno in giro per l’Italia e, dulcis in fundo, il corso Albergatore Pro.

Cioé il vertice annuale per Albergatori Professionisti.

A gennaio ufficializzeremo le date e la location.

Ora, la notizia é questa.

Non sceglieremo un hotel o un centro congressi che possa tenere 1.000 persone.

Perché Albergatore Pro non é un esercito. Nè vuole esserlo.

É un corpo d’elite che vuole mettere nella stessa sala SOLO albergatori, professionisti o aspiranti tali con gli stessi valori, provenienti da tutta Italia, per studiare, confrontarsi e dettare la via.

Ora seguimi in quest’ultimo aggiornamento.

In italia, ad oggi, ci sono oltre 130.000 attività tra alberghiere ed extra alberghiere.

Penso di non essere smentito se dico che nessun corso al mondo puó avere un impatto simile.

Ma

Possiamo guidare gli altri con l’ESEMPIO.

E se ogni Albergatore Pro diventa il punto di riferimento della propria destinazione, stai certo che prima o dopo gli altri albergatori se ne accorgeranno.

Anzi, ti dico una cosa.

Sta già succedendo.

Fino a un paio d’anni fa, sentir parlare gli albergatori di branding e copywriting sembrava fantascienza.

Ora gli Albergatori Pro lo fanno ogni giorno. E gli altri drizzano le antenne..

Nel frattempo, molti gestori si lamentano del fatto che sia impossibile trovare buone strutture da gestire.

Mentre diversi Albergatori Pro vengono cercati da proprietari stanchi in cerca di un gestore capace di far crescere la propria struttura.

E siamo solo all’inizio.

Bene, per ora é tutto.

Ti auguro di chiudere il 2017 nel modo che preferisci.

Che sia condividendo le foto del tuo planning fully booked.

O godendoti le meritate vacanze con la tua famiglia, mentre pianifichi il tuo 2018.

Ah già.

A proposito del 2018…

Ho deciso che quest anno ti auguro solo la SALUTE.

Perchè so già che tutto il resto ce lo prenderemo INSIEME.

A colpi di marketing, copywriting, controllo di gestione, revenue, tecnologia, breakfast e CAZZIMMA.

Ci vediamo dall’altra parte.

P.s in questa foto “d’annata” io e Daniele ci conoscevamo “solo da 23 anni”.

#together #teampro

Gian Marco Montanari

Nato a Rimini da una famiglia di albergatori, sono appassionato di sport, viaggi e crescita personale. Aiuto gli hotel ad ottimizzare l’organizzazione e incrementare il fatturato attraverso il software gestionale. Negli anni ho seguito personalmente lo sviluppo di oltre 200 hotel in Italia e all’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *