Domande del sabato mattina

Sai dirmi perchè in giro si pensa che “fare revenue” vuol dire soltanto vendere in B&B su bookingpuntocom??

Mi spiego meglio.

Posto che effettivamente l’oscillazione della tariffa tra minima e massima in B&B ha forbice più ampia.

Perchè la maggior parte degli albergatori stagionali che vendono prevalentemente la settimana a pacchetto (hb, fb, all inclusive) si disinteressano del problema tariffe come un eschimese si disinteressa delle creme solari???

Cioè per capirci.

“Fare revenue” in realtà non vuole dire vendere in B&B su booking.

Vuol dire (e stiamo ancora semplificando) ottimizzare le tariffe di vendita.

Facciamo un esempio?

Un albergo al mare vende una settimana in pensione a completa a luglio a 67 € a persona e ha una media di 150 presenze al giorno.

Sai cosa succede se analizzate lo storico?

Succede che magari scopri che hai una media tra il 50% e il 100% di rifiuti per occupazione.

Tradotto: se hai 50 camere, significa che hai “detto no” a una media tra 25 e 50 richieste al giorno perchè sei al completo.

E sai cosa succede se, con quel dato alla mano, alzi i prezzi di 3 € a persona?

Succede che i clienti sotto data prenotano comunque, perchè la domanda è superiore all’offerta.

Poniamo che fai un 30% di conversioni sotto data.

Se 50 persone spendono 3 € in più, sono 150 € IN PIÙ al giorno.

Moltiplicalo per gli 80 giorni del picco di stagionalità.

Hai appena “trovato” 12.000 € sotto il cuscino.

E sei sempre tu, con lo stesso hotel.

Com’è sta storia?

Gian Marco Montanari

Nato a Rimini da una famiglia di albergatori, sono appassionato di sport, viaggi e crescita personale. Aiuto gli hotel ad ottimizzare l’organizzazione e incrementare il fatturato attraverso il software gestionale. Negli anni ho seguito personalmente lo sviluppo di oltre 200 hotel in Italia e all’estero.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *