La mia VERA missione e il pallone di Space Jam

In queste ore sono in uno stato d’animo TOTALMENTE innaturale.

Svuotato ma felice.

Stordito ma soddisfatto.

Stanco ma leggero.

Insomma, ci siamo capiti.

Ora, in tutto questo frullato emozionale sto ricevendo ininterrottamente una serie messaggi MERAVIGLIOSI di ringraziamenti per il corso.

Roba che farebbe decollare su Marte anche il più umile tra gli umili.

Poi per fortuna penso alle parole di Arrigo Sacchi, penso agli insegnamenti ricevuti dalla mia famiglia e da tutte le persone che ho conosciuto in questi anni e cerco di darmi una spiegazione razionale.

L’ho detto mille volte.

Io NON sono un genio.

Perdo il cellulare, le chiavi, mi chiudo fuori casa, brucio le uova mentre scrivo un post su fb…

Tutte cose che mi capitano piuttosto spesso e mi squalificano dalla possibilità di vincere un nobel per la scienza.

Detto questo, so diverse cose riguardo l’hotel e forse sono capace di “unire i puntini” come mi hanno detto diversi di voi in questi giorni…

Oltre a questo mi piace il basket (che alla fine c’entra sempre).

Si, perché per cercare di spiegare quello che voglio trasmettervi con questo post, mi è tornata in mente una scena del mitico film Space Jam, con Michael Jordan.

Ora, nel caso fossi uno di quei pochi sciagurati a non averlo visto, spiego subito di cosa si tratta.

Nel film una banda di alieni, scendono sulla terra decisi a rapire i Looney Tunes (Bugs bunny, Daffy duck, ecc…) per farli diventare l’attrazione di un parco giochi su un pianeta immaginario.

Vedendoli molto bassi, Bugs e soci decidono di sfidarli a basket.

Se vincono restano, se perdono si trasferiscono.

A questo punto però, disposti a tutto per non perdere, gli alieni decidono di “rubare” il talento ai migliori giocatori del NBA.

Per farlo usano un un pallone da basket in grado di assorbire il talento dalle mani dei campioni (scena nella foto).

Ecco, proprio ora che ti stavi appassionando alla storia, torniamo a noi…

Perché io ho quel QUEL pallone.

E questo è il mio talento.

Nel mio continuo viaggiare, incontrare, studiare e confrontarmi con i migliori Albergatori in Italia, assorbo il vostro talento.

Ma NON lo rubo, perché a voi rimane.

Al contrario, il patto è molto più NOBILE.

Io vi trasmetto tutto quello che ho imparato dai grandi Albergatori che ho conosciuto prima di voi, e voi in cambio mi trasferite le vostre conoscenze, i vostri valori, i vostri segreti.

In un circolo virtuoso che ci rende sempre più pieni di talenti da condividere con chiunque sarà abbastanza illuminato da concedere i propri, per lasciarsi illuminare.

Questo è il seme che da origine alla nostra comunità.

Questo è il virus che sta rendendo l’Italia degli albergatori un posto migliore, più aperto, più consapevole e più vincente.

Una SQUADRA che ha abbandonato la tattica del difendere i propri segreti, abbracciando la strategia di condividerli, per moltiplicarli.

Un gruppo di centinaia di persone che giocano all’attacco, in un paese che gioca in difesa…

Questa è la mia MISSIONE.

Questo è il principio alla base di Albergatore Pro.

Grazie a TUTTI voi che con la vostra fiducia rendete possibile tutto questo.

#albergatorepro2019

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

ACCEDI gratis alla community Albergatore Pro

Il gruppo dedicato agli albergatori e professionisti nel campo dell’Ospitalità.

All’interno troverai articoli, news, guide relative all’industria alberghiera. Lavoriamo ogni giorno per trovare le strategie più efficaci, dal marketing all’operativo e tutto ciò che che può trasformarsi in fatturato per l’hotel. Entra a far parte della nuova generazione di albergatori!

COMPILA QUESTO FORM PER ACCEDERE:

Albergatore Pro Copyright © 2019 | P.I. 04372030405 | Privacy Policy - Cookie Policy