Monthly Archive:: novembre 2016

Dove nascono i sogni?

È giunta l’ora di ROMPERE una volta per tutte un vecchio luogo comune.

Parliamo di una vecchia definizione che ancora oggi viene sbandierata da quei consulenti “scaduti” che vanno in giro con gli abiti anni 90 con le maniche troppo lunghe che gli coprono le mani.

“L’hotel è un’azienda che vende camere.”

Cazzata!

Dico davvero. Basta. Andate a lavorare! (Mi riferisco ai consulenti in ascolto.)

Ikea, Sangiorgi, Camar vendono (anche) camere.

Se gestisci un hotel e ti hanno convinto che sei nel business del “vendere camere” hai un grosso problema amico.

Considerando la crescita esponenziale dei social network e la valenza sociale dei viaggi, oggi la definizione dell’azienda hotel è molto diversa:

L’hotel è un azienda che vende EMOZIONI.

Nessuno, e quando dico nessuno intendo NESSUNO AL MONDO, a qualsiasi latitudine e di qualsiasi estrazione sociale, politica, economica e religiosa ha MAI prenotato un viaggio basandosi sulle caratteristiche della camera.

Oggi possiamo riassumere il processo di acquisto e consumo in tre fasi (in cui convivono gli aspetti razionali ed emotivi):

==> Fase del sogno (pre-experience)
==> Fase delle emozioni (in-experience)
==> Fase del ricordo (post-experience)

Quindi ora stai molto attento al passaggio che stai per leggere:

Gian Marco Montanari

Nato a Rimini da una famiglia di albergatori, sono appassionato di sport, viaggi e crescita personale. Aiuto gli hotel ad ottimizzare l’organizzazione e incrementare il fatturato attraverso il software gestionale. Negli anni ho seguito personalmente lo sviluppo di oltre 200 hotel in Italia e all’estero.

Albergatori di lungo corso, questo messaggio è per voi

La fuori c’è una una nuova generazione di aspiranti albergatori.

Non hanno soldi, è vero.

Ma sono nati su internet, seguono i blog, partecipano ai corsi, studiano (anche di notte), parlano le lingue e sono affamati come lupi.

E se pensi di essere al riparo dietro le mura della tua gloriosa esperienza, ti avverto.

Oggi il manico non basta più.

Perché mentre sei lì tranquillo a scegliere il divano nuovo da mettere nella hall, questi stanno progettando il piano per portarti via prima TUTTI i clienti, poi l’albergo.

E non fare quella faccia, so benissimo che alcuni non vedono l’ora di liberarsene.

Il problema è che un hotel senza clienti è una scatola vuota e come tale è valutata.

ZERO.

Bel casino eh?

MA non tutto è perduto, c’è ancora un modo per salvare la pellaccia.

Gian Marco Montanari

Nato a Rimini da una famiglia di albergatori, sono appassionato di sport, viaggi e crescita personale. Aiuto gli hotel ad ottimizzare l’organizzazione e incrementare il fatturato attraverso il software gestionale. Negli anni ho seguito personalmente lo sviluppo di oltre 200 hotel in Italia e all’estero.